Obbligo caldaia a condensazione: cosa c'è sotto?

09 gennaio 2020 - 17:52 / di Roberto Ferri Roberto Ferri

Vuoi cambiare la tua vecchia caldaia e ti stai chiedendo con quale sostituirla? Non è sempre facile capire come muoversi e avere la certezza di acquistare un impianto non soltanto a norma di legge, ma anche poco inquinante e capace di farti risparmiare in bolletta.

Rivolgersi a un installatore professionista a volte confonde ulteriormente le idee: c’è chi parla esclusivamente di caldaie a condensazione perché obbligatorie per legge, e chi invece consiglia caldaie tradizionali a prezzi imbattibili. Qual è la verità?

In realtà, al momento di sostituire la vecchia caldaia, chi ti propone una caldaia tradizionale ti sta semplicemente vendendo un impianto fuori norma. Per capire di quale norma parliamo, devi fare riferimento alla Direttiva Erp (o Ecodesign). Vediamo cosa dice.

Normativa caldaia: la Direttiva ErP

La normativa, in vigore dal 26 settembre 2015, ha praticamente messo al bando la produzione di caldaie tradizionali a camera stagna, stabilendo l’obbligo di produrre esclusivamente caldaie a condensazione. È fatta salva, però, la possibilità, per i rivenditori e gli installatori, di smerciare le caldaie tradizionali rimanenti in magazzino, fino a esaurimento scorte.

Da qui risulta quindi evidente che, nel caso decidessimo di sostituire la vecchia caldaia, la normativa prevede di scegliere una nuova caldaia a condensazione.

Obbligo caldaia a condensazione e finalità direttiva ErP

L’obiettivo della normativa sull’obbligo della caldaia a condensazione in realtà non è uno solo. Esistono infatti ben quattro motivi che hanno portato all’adozione della direttiva ErP:

  • Importare meno gas
  • Risparmiare petrolio
  • Diminuire le emissioni di CO2
  • Spendere meno in bolletta

Da qui l’obbligatorietà di fatto della caldaia a condensazione: è l’unica in grado di raggiungere la classe energetica A e garantire risultati ottimi. La sua tecnologia la rende più efficiente: a parità di resa termica, consuma infatti molto meno combustibile di una tradizionale, con conseguente risparmio in bolletta.

È vero che costa un po’ di più, ma si tratta in realtà di un vero e proprio investimento, in quanto ti permette un risparmio energetico fino al 25%.

Per saperne di più sui suoi vantaggi e anche sui prezzi della caldaia a gas a condensazione, leggi questo articolo.

Eccezioni

In realtà esiste un caso in cui è ancora possibile installare una caldaia tradizionale a camera aperta: quando la sostituzione della caldaia riguarda un appartamento di un edificio multipiano e si ha una canna fumaria condominiale “collettiva ramificata”. In questa ipotesi è necessario ricorrere alla caldaia tradizionale a camera aperta.

Agevolazioni fiscali caldaia a condensazione

Non dimenticare inoltre che puoi usufruire inoltre di una detrazione fino al 65% installando una nuova caldaia a condensazione di classe energetica a accompagnata da sistemi evoluti di ripartizione del calore (valvole termostatiche e termostato intelligente).

È chiaro, in conclusione, che la vecchia caldaia potrà essere sostituita esclusivamente da quella a condensazione, ecco perché molti parlano di “obbligo”.

Ricorda che la spesa che devi sostenere per acquistarla, è facilmente ammortizzabile in meno di 5 anni, senza contare che aumenterà il valore del tuo immobile, grazie al giovamento che ne trarrà la sua classe energetica.

Insomma, non ti resta che scegliere tra i tanti modelli in commercio e iniziare a risparmiare dando un taglio alle bollette.

Fatti un’idea dei prezzi. Clicca qui per ricevere il listino in formato PDF da leggere comodamente dal tuo smartphone, tablet o pc.

Scarica il listino delle caldaie a condensazione Bluenergy

Categorie: Caldaie

Roberto Ferri

Scritto da Roberto Ferri