Etichetta energetica caldaie: ecco cosa ti dice

30 luglio 2020 - 14:15 / di Roberto Ferri Roberto Ferri

L’etichetta energetica per la caldaia, e più in generale per tutti i sistemi termici per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria, è obbligatoria dal 26 settembre 2015, come da regolamento EU n.811/2013. Sai perché è così importante, tanto da essere prevista dalla legge? Vediamo insieme tutto quello che ti dice l’etichetta energetica e in che modo può esserti di aiuto.


L’etichetta energetica, innanzitutto, deve essere applicata sia al singolo prodotto sia all’impianto complessivo: per questo parliamo di una doppia etichettatura.

Doppia etichettatura caldaia

La legge prevede due etichette: una per il generatore di calore e una per l’impianto, detta “etichetta di sistema” o “di insieme”. Sotto la dicitura “generatore di calore” sono comprese:

  • Caldaie a combustibile liquido o gassoso
  • Pompe di calore
  • Scaldacqua tradizionali
  • Scaldacqua solari
  • Scaldacqua a pompa di calore
  • Impianti di cogenerazione
  • Serbatoi per l’acqua calda

Quando parliamo invece di etichetta di sistema, è quella che si riferisce a tutto il sistema costituito dalla caldaia (o scaldacqua), i dispositivi di controllo eventuali, pannelli solari per il riscaldamento o produzione di acqua calda sanitaria.

La prima etichetta, quella sul prodotto, viene applicata direttamente dal produttore, mentre quella di sistema può essere emessa sia dai rivenditori che dagli installatori.

Il sistema di etichettatura va applicato, per la normativa vigente, a tutti i prodotti per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria fino a 70 kilowatt di potenza nominale e i pannelli solari con serbatoi di capacità non superiore ai 500 litri, anche se l’ENEA richiede, per l’accesso agli incentivi fiscali, l’emissione di una etichetta energetica anche per sistemi di potenza maggiore ai 70 kW, applicando per analogia le norme per i sistemi di potenza inferiore.

 

Cosa ti dice l’etichetta energetica della caldaia

L’etichetta energetica applicata sul prodotto identifica l’efficienza della caldaia, per poterne valutare correttamente qualità e consumi (e di conseguenza il risparmio che puoi trarne in bolletta).

In particolare, essa indica la classe energetica dell’elettrodomestico, tramite delle lettere che vanno dalla A++ alla G, dove la A++ indica l’efficienza massima e i consumi più bassi e la G l’efficienza più bassa e i consumi massimi. Conoscere la classe energetica è fondamentale, oltre che per sapere quanto si consuma, anche per capire, ad esempio, in fase di acquisto di una nuova caldaia, se e come si può usufruire delle detrazioni fiscali previste dal Governo (Per informazioni leggi Caldaia a condensazione nuove detrazioni 110).

Vediamo adesso come leggere le due tipologie di etichette: quella della caldaia e quella di sistema.

Etichetta caldaia: come si legge

 

L’etichetta è divisa in tre settori:

  1. Nel primo, quello situato più in alto, si trovano i nomi del produttore e del modello.
  2. Nel secondo settore è evidenziata la classe energetica dell’apparecchio e le sue funzionalità:
  • Riscaldamento, rappresentata da un radiatore
  • Produzione di acqua calda, rappresentata da un rubinetto
    Per ogni simbolo (radiatore o rubinetto), vi sono delle frecce colorate con lunghezza crescente da verde a rosso: quella verde più corta corrisponde alla classe di efficienza migliore, la rossa più lunga alla peggiore, ossia con i consumi più alti.
    Per quanto riguarda le caldaie miste, le classi energetiche per il riscaldamento degli ambienti vanno da A+++ a D, quelle per il riscaldamento dell’acqua vanno da A+ a F.
  1. In questo settore viene indicato:
  • Il livello di potenza sonora (la rumorosità) in decibel
  • la potenza termica nominale in kW
  • la possibilità di programmare la produzione di acqua calda

Se si tratta di un sistema a pompa di calore, al posto della potenza nominale in kW, si trova la mappa europea con tre fasce climatiche, ognuna con il proprio valore di potenza termica in kW.

Etichetta di sistema

L’etichetta energetica di sistema è composta da 4 settori:

  1. Il primo settore indica, come per l’etichetta di prodotto, le informazioni riguardanti il produttore e il modello.
  2. Anche il secondo settore, proprio come per l’etichetta di prodotto, contiene le classi di efficienza energetica dalla A alla G.
  3. In questo settore viene indicata la classe di efficienza energetica del generatore di calore principale.
  4. Qui sono presenti dei simboli che descrivono componenti che possono essere collegati all’impianto: collettori solari, boiler, termoregolatori, generatore secondario.

 

Ora che sai cosa dice l’etichetta energetica della tua caldaia, sarà semplicissimo leggerla e verificare se non sia il caso di cambiarla e sostituirla con una a condensazione, dotata di un’elevata efficienza energetica e garante di consumi più bassi. Qui trovi un articolo su interessanti modalità di pagamento: Caldaia a rate, focus sui metodi di pagamento.

Scegli la tua caldaia, scarica gratuitamente il listino e scopri tutti i migliori modelli e relativi prezzi. Clicca qui per riceverlo subito in formato PDF e leggerlo comodamente dal tuo smartphone, tablet o pc.

Scarica il listino delle caldaie a condensazione Bluenergy

Categorie: Caldaie, Efficienza

Roberto Ferri

Scritto da Roberto Ferri