Climatizzatore inverter: come funziona e vantaggi

18 giugno 2020 - 10:23 / di Laura Sartori Laura Sartori

Sul mercato sono sempre più richiesti i climatizzatori inverter, che stanno pian piano sostituendo quelli tradizionali “on-off”. Come mai questa preferenza? Per capirlo bisogna vedere come funziona un climatizzatore inverter e quali vantaggi ti regala.

I climatizzatori, in base al loro funzionamento, possono essere di due tipi: on-off e inverter. I primi presentano una tecnologia semplice e per questo un prezzo di acquisto minore, al quale però va associato un alto consumo energetico e prestazioni non ottimali. Un climatizzatore inverter, invece, nonostante abbia un costo di acquisto più alto, permette un notevole risparmio dal punto di vista energetico (e di conseguenza anche economico!), performance e comfort maggiori. Esaminando le due diverse tecnologie puoi vedere perché è più vantaggioso quest’ultimo.

Climatizzatore on-off

La tecnologia on-off richiede un grande dispendio energetico, perché ogni volta la macchina si accende alla massima potenza; fatto che si traduce concretamente in bollette alte e in un continuo sbalzo di caldo-freddo in casa. In altre parole, il condizionatore on-off si accende e spegne di continuo ogni volta che il termostato segna una variazione di temperatura.

La sensazione che si prova solitamente, è quella di doversi coprire per l’eccessivo raffreddamento, e poi spogliare per l’eccessivo calore.

Climatizzatore inverter

Forte di una tecnologia all’avanguardia e più evoluta, a differenza di un climatizzatore on off, il climatizzatore inverter mantiene la temperatura costante durante tutto il tempo in cui viene utilizzato. Non ci sono più potenti getti di aria fredda se non all’inizio, dal momento che il suo è un funzionamento continuativo e lavora a regimi ridotti e tarati su bisogni reali in base alla temperatura dell’ambiente. È dotato di un dispositivo elettronico grazie al quale la sua potenza viene modulata ed erogata proporzionalmente alla necessità di caldo o freddo. Una volta raggiunta la temperatura desiderata, funzionerà al minimo, quello che basta per mantenere costante la temperatura impostata. Fermarsi per poi ripartire richiederebbe invece un dispendio maggiore di energia e quindi di consumi: eliminando i continui “accendi e spegni” del climatizzatore tradizionale, si elimina un grande spreco energetico e di denaro. E aumenta la sensazione di benessere perché la temperatura è costante.

Vantaggi inverter

  • Riduzione dei consumi
    Si è stimato che grazie a un climatizzatore inverter si ha un risparmio energetico e consumi ridotti fino al 30% rispetto alla tipologia on-off.
  • Comfort maggiore
    A differenza di un modello on-off, non sottopone a sbalzi di temperatura frequenti, dannosi per la salute in quanto responsabili di raffreddori, mal di testa, se non addirittura bronchiti.
  • Silenziosità
    Dal momento che non lavora sempre alla massima potenza, una volta raggiunta la temperatura ideale e ridotto il carico di lavoro, diventa davvero silenzioso.
  • Maggior durata
    Durerà di più rispetto a un modello tradizionale poiché si consumerà di meno, non essendo sottoposto a continue partenze e spegnimenti.
  • Possibilità di detrazioni fiscali
    Non va dimenticata l’opportunità di usufruire delle detrazioni fiscali.
    Qui trovi tutto quello che c’è da sapere>>> Bonus e detrazioni condizionatore: come ottenere il rimborso.

 

Conviene sempre?

C’è solo un caso in cui il maggior costo del climatizzatore non viene ripagato dai benefici in termini di risparmio energetico ed economico: nel caso in cui servisse per un utilizzo sporadico e di poche ore. In questa ipotesi non si riuscirebbe ad ammortizzare il prezzo più alto e quindi non sarebbe vantaggioso.

Concludendo, una volta visto il funzionamento, è facile affermare quanto sia vantaggioso avere in casa un climatizzatore inverter piuttosto che uno on-off, tranne per l’eccezione che abbiamo sottolineato sopra.

Se fino ad oggi quello che ti faceva dubitare sull’opportunità di acquistarlo era il prezzo più alto in fase di acquisto, hai appurato che sarà ripagato facilmente in poco tempo, grazie al notevole risparmio energetico e alle bollette più basse. Vuoi sapere qual è il momento migliore per acquistarne uno? Leggi questo articolo>>> Acquisto climatizzatore: qual è il periodo migliore.

Certo, la scelta non è sempre facile, ne esistono tanti modelli in commercio.

Aiutati con la Guida, scaricala gratuitamente e scopri tra i tanti modelli quello più adatto a te.

Clicca qui per riceverla subito in formato PDF per il tuo smartphone, tablet o pc.

Guida: Come scegliere il climatizzatore per la tua casa

Categorie: Climatizzatore

Laura Sartori

Scritto da Laura Sartori