Come scegliere un condizionatore per la tua casa

01 febbraio 2019 - 16:12 / da Loretta Bonasera

Vuoi regalare alla tua casa un condizionatore? Prima di correre ad acquistarlo, fermati e rispondi a questa domanda: “Cosa desideri?”. La risposta sarà sicuramente questa: “Il prodotto migliore in termini di efficienza e di risparmio”.

Tutti noi, ogni volta che decidiamo di comprare qualcosa, dovremmo valutare questi due fattori: efficienza e risparmio. Soprattutto quando si tratta di strumenti che consumano energia, ma che allo stesso tempo rendono le nostre case più accoglienti.

Prenditi 2 minuti di relax per leggere questo articolo e potrai andare a comprare il tuo condizionare senza nessun dubbio e con le idee ben chiare.

Hai bisogno di un condizionatore. Vuoi acquistare il migliore, naturalmente, ma allo stesso tempo non vuoi spendere una fortuna e, soprattutto, non vuoi ritrovarti a fine mese delle bollette che scottano!

Il mercato è pieno di modelli diversi, ognuno con le sue peculiarità, i suoi pregi e i suoi difetti.

Il primo consiglio, per iniziare, è quello di scegliere il tuo condizionatore valutando, prima ancora del prezzo effettivo, le sue prestazioni, la sua efficienza energetica e, non ultimo, la sua durata nel tempo. Inutile acquistare un condizionatore a un prezzo stracciato e poi ritrovarsi a dilapidare una fortuna per far fronte al suo consumo. I nostri nonni non avevano tutti i torti quando affermavano che “chi più spende meno spende”.

Detto ciò, vediamo i 5 punti da valutare per la scelta del tuo apparecchio.

1. Controlla la classe energetica

Questa è la primissima cosa che devi valutare. Scegli sempre un modello di classe A++ o A+++, perché una classe energetica alta si traduce in bollette basse, e viceversa.

2. Condizionatore giusto al posto giusto

Ogni condizionatore ha una potenza che si misura in Btu/h, che va definita in base all’ambiente in cui deve essere inserito necessita di una potenza diversa, maggiore o minore.

Per calcolare la potenza necessaria ti basterà fare un calcolo molto semplice: moltiplica il volume dell’ambiente in cui deve essere posizionato per 90. Il risultato ti dirà approssimativamente la potenza di cui hai bisogno.

Ad ogni modo può essere che in casa ci siano delle variabili, come la presenza di scale o dislivelli, in questo caso è fondamentale la competenza di un tecnico.

3. Tecnologia inverter

I condizionatori posso essere dotati di due tipi di tecnologie: on/off oppure inverter.

Assicurati che quello da te scelto sia inverter. La tecnologia inverter, infatti, è quella più economica in fase di consumo, in quanto elimina sprechi di denaro e garantisce un notevole risparmio a fine mese.

4. Praticità

Hai mai pensato alla comodità di poter controllare il tuo condizionatore da remoto, mentre sei in ufficio, sul treno, così da avere una casa fresca al tuo rientro oppure calda se siamo in inverno? Esistono apparecchi dotati di sistema Wi-Fi, così da essere gestiti a distanza attraverso un cellulare. E trovi la temperatura giusta appena rientri.

5. Funzionalità

Il consiglio è di scegliere un apparecchio che, oltre a rinfrescare la casa in estate, sia utile a riscaldarla nei mesi più freddi. Il climatizzatore a pompa di calore è ideale per questo, consuma poco e si adatta a tutti i periodi dell’anno. Ovviamente la funzione di riscaldamento funziona in maniera ottimale in presenza di alcune condizioni: un ambiente non superiore ai 50 metri quadrati e temperature esterne non eccessivamente rigide (è molto utile sapere che i climatizzatori più performanti riscaldano fino a temperature esterne di -15°C).

 

Tieni conto di tutte queste caratteristiche, dell’ambiente in cui devi posizionarlo, e arriverai al tuo climatizzatore ideale.

Per farti un’idea più precisa dei prezzi dei climatizzatori e scegliere l'offerta ideale per la tua casa puoi consultare questo listino in formato PDF. Scarica la nostra guida ai prezzi.

Scarica la guida ai prezzi dei climatizzatori per la tua casa

Categorie: Residenziale

Loretta Bonasera

Scritto da Loretta Bonasera