<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=438798440102425&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Gas per condizionatori: quali sono e cosa sapere sulla loro sicurezza

14 gennaio 2021 - 17:01 / di Laura Sartori Laura Sartori

I gas per condizionatori costituiscono una caratteristica importante della loro qualità. Normative sempre più stringenti, emanate a livello europeo per la tutela dell’ambiente dalle emissioni nocive ha dettato precise indicazioni.

A partire dal 2025 sarà obbligatorio per legge acquistare climatizzatori con i nuovi gas refrigeranti totalmente privi di “fluorurati” sostanze chimiche che hanno un elevato impatto sull’effetto serra che andranno via via esaurendosi. Si tratta di un dettaglio importante da conoscere perché, chi si approccia ora all’acquisto o alla sostituzione dei climatizzatori deve poter fare un investimento duraturo nel tempo.

Cos’è il gas per condizionatori

Il gas nei climatizzatori permette il funzionamento del ciclo di trasferimento di calore che sta alla base della tecnologia refrigerante: si tratta di una presenza del tutto sicura per le persone, ma meno per l’ambiente. Negli anni e di pari passo alla ricerca, i gas impiegati sono cambiati per rispondere a nuove esigenze tra cui la maggior tutela ambientale e la sicurezza delle persone. I vecchi gas refrigeranti infatti avevano un pesante indice di impatto sull’ozono. Oggi tra i più conosciuti ci sono, oltre all’R32 anche l’R410 . Sull’R32 in particolare, test hanno dimostrato che ha il vantaggio di non impattare per niente sull’ozono: ha infatti un indice ODP (Ozone Depletion Potential) pari a zero.

 

Cosa dice la normativa

La normativa di riferimento è il Regolamento Europeo 517/2014 sugli FGas, recepito dal ministero dell’Ambiente. Ecco alcuni estratti della norma:

“Qualora siano disponibili soluzioni alternative valide all’uso di determinati gas fluorurati a effetto serra, è opportuno introdurre divieti di immissione in commercio riguardanti le nuove apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d’aria e di protezione antincendio che contengono o il cui funzionamento si basa su tali sostanze”.

Per i “Sistemi di condizionamento d’aria monosplit contenenti meno di 3 chilogrammi di gas fluorurati a effetto serra, che contengono o il cui funzionamento dipende da gas fluorurati a effetto serra con potenziale di riscaldamento globale pari o superiore a 750” il divieto entra in vigore il primo gennaio 2025. 

Il potenziale di riscaldamento globale, o GWP (Potenziale di Riscaldamento Globale), citato nella norma è un ulteriore parametro indicatore dell’impatto ambientale del gas, che si aggiunge all’ODP citato precedentemente.

 Sono questioni un po’ tecniche, probabilmente a nessuno di noi è venuto il dubbio di verificare quale gas refrigerante contiene il nostro climatizzatore perché più comunemente si valutano aspetti legati alla rumorosità, alla potenza o al rendimento in funzione dei consumi elettrici. Tuttavia, è un dettaglio importante nel momento in cui decidi di fare un investimento che ti permetterà di avere, oltra a un condizionatore adeguato, anche in linea con le normative vigenti e non obsoleto.

Ecco perché è opportuno avere consapevolezza delle caratteristiche dei climatizzatori prima di acquistarne uno. Abbiamo appena scalfito la superficie; ci sono molte altre curiosità e dettagli da conoscere per trovare il modello migliore per le tue esigenze.

Abbiamo creato una guida gratuita per accompagnarti alla scelta, scarica subito il pdf da leggere quando vuoi.

Guida: Come scegliere il climatizzatore per la tua casa

Categorie: Climatizzatore

Laura Sartori

Scritto da Laura Sartori